sponsor

eadv

Jhonny Depp e il suo divorzio



Johnny Depp e Amber Heard alla fine hanno trovato un accordo e l'attrice dal divorzio con la star hollywoodiana ha incassato ben 7 milioni di dollari. Una somma da capogiro che però ha deciso di devolvere in beneficenza. Ma i giorni che hanno preceduto la fine di questa turbolenta separazione sono stati fin troppo movimentati...




Johnny Depp e Amber Heard hanno raggiunto un accordo da 7 milioni di dollari che l'attrice ha deciso di devolvere in beneficenza

Prima dell'accordo TMZ ha diffuso un video girato di nascosto da Amber Heard in cui si vede Johnny Depp prendere a calci i mobili della cucina, versarsi del vino nel bicchiere e poi lanciarle contro la bottiglia di vetro.

L'episodio è avvenuto nel marzo scorso mentre la coppia si trovava in Australia dove la star hollywoodiana stava girando il nuovo capitolo della saga de "I Pirati dei Caraibi". Completamente ubriaco e in preda all'ecstasi, Depp, in un impeto di rabbia, si è quasi mozzato un dito e dopo averlo immerso in una vernice blu scura ha scritto su uno specchio con il sangue il nome di Billy Bob Thornton (Amber in quel periodo stava lavorando con lui sul il set di "London Fields"). 

L'attore ha accusato il collega di avere una relazione con la Heard. 

L'ex marito di Angelina Jolie ha subito smentito con un post pubblicato sulla sua pagina Twitter:
 "E' tutta una fantasia di Johnny", ha scritto.

Amber, però, ha fatto sapere di non aver intrapreso questa battaglia legale per ottenere dei soldi: "Come è scritto nella nota dell'ordine restrittivo rilasciata dal tribunale il denaro non ha giocato alcun ruolo". 

"L'unica eccezione - ha aggiunto - riguarda il fatto che potrò donare la somma in beneficenza e, facendo questo, aiutare coloro che non hanno facoltà di difendersi. Come riportato dai media l'importo ricevuto dal divorzio è stato di 7 milioni di dollari e sette milioni di dollari ho donato. Questo va al di la' di tutti i soldi che ho donato in passato. 

La donazione sarà divisa in due parti tra la ACLU, che combatte la violenza contro le donne, e il Children's Hospital di Los Angeles, dove ho lavorato come volontaria negli ultimi 10 anni. 

Anni in cui ho visto in prima persona come più fondi per personale, attrezzature migliori e farmaci possano fare la differenza tra la vita e la morte di un bimbo".

Nessun commento:

Posta un commento